Buco nel sistema: fatture elettroniche online. Indagano Garante e Vigilanza

Con un semplice codice fiscale si potevano vedere e scaricare le fatture telematiche trasmesse all’Agenzia delle Entrate. L’Ad Ruffini «nero», chiede una relazione alla Sogei. Il presidente della Vigilanza parlamentare «furibondo».

C’era un buco enorme nel sistema telematico gestito dalla società pubblica Sogei per la trasmissione delle fatture elettroniche all’Agenzia delle Entrate. Una falla che ha permesso a chiunque avesse le credenziali per entrare, commercialisti o anche semplici contribuenti, e per non si sa quanto tempo, di consultare liberamente i dati fiscali degli altri cittadini.

Quel forziere che doveva restare blindato, e non solo per ovvie ragioni di privacy, di fatto è rimasto aperto alla mercé di tutti, senza chiave. Il sistema ora è stato bloccato, ma il presidente della Commissione di Vigilanza sull’Anagrafe Tributaria, Giacomo Portas, si dice «furibondo». E si è mosso anche il Garante della Privacy, Antonello Soro, per capire «se si è trattato di un incidente imprevedibile o della mancata attuazione delle misure di protezione dei dati personali che sono necessarie e che erano state chieste».

Una volta entrati nel sistema bastava inserire il codice fiscale di un qualsiasi contribuente obbligato alla trasmissione telematica delle fatture, per vedere e scaricare tutti i dati trasmessi all’Agenzia delle entrate, compresi quelli di clienti e fornitori. Oppure il codice fiscale di un commercialista per vedere i suoi dati e quelli dei suoi clienti.

Mario Sensini – Corriere della Sera